Corsi di formazione professionale: come, dove, quando

 

Sul sito Internet della Regione Lazio viene pubblicata periodicamente la lista aggiornata dei corsi, consultabile anche su televideo RAI TRE a pag. 507 e seguenti. Il settimanale "Lavorare a Roma e nel Lazio", in edicola ogni martedì, pubblica informazioni sui corsi di formazione professionale.

I corsi si articolano su tre livelli, in base ai destinatari cui si rivolgono:

Corsi di 1°livello: riservati a giovani inoccupati che hanno assolto l’obbligo scolastico fino a 20 anni di età, o/e disoccupati con più di 25 anni di età .

Corsi di 2° livello: riservati a giovani inoccupati con diploma di scuola secondaria superiore con meno di 25 anni di età e/o disoccupati con più di 25 anni di età.

Corsi di 3° livello: riservati a giovani con diploma di laurea con meno di 27 anni e/o disoccupati con più di 27 anni di età.I corsi di formazione regionali sono organizzati in quattro differenti modalità:

Gestione diretta:
I corsi sono organizzati e gestiti direttamente dai Centri di Formazione Professionale Regionale (C.F.R.P.), presso i quali opera personale della Regione Lazio. I corsi, completamente gratuiti, sono di 1°livello e di 2° livello.

Gestione convenzionata:
I corsi sono organizzati presso i Centri di Formazione Professionale (C.F.P.), enti privati che operano in convenzione con la Regione Lazio. Il personale e le strutture sono dell’ente gestore, che è tenuto al rispetto dei termini indicati nelle convenzioni con la Regione Lazio. I corsi, completamente gratuiti, sono di 1°, 2° e 3° livello.

Fondo Sociale Europeo:
si tratta di progetti finanziati con fondi europei che consentono a soggetti sia pubblici che privati di presentare progetti mirati al rilancio dell’occupazione, alla riqualificazione dei lavoratori e alla integrazione lavorativa dei soggetti svantaggiati.

Sul sito Internet della Regione Lazio viene pubblicata periodicamente la lista aggiornata dei corsi, consultabile anche su televideo RAI TRE pag. 507 e seguenti. Il settimanale "Lavorare a Roma e nel Lazio", in edicola ogni martedì, pubblica informazioni sui corsi di formazione professionale.

Corsi autorizzati:
Questi corsi, autorizzati con apposito atto deliberatorio della Giunta Regionale, sono a pagamento e vanno ad integrare il sistema formativo nel suo complesso. Vi può accedere chiunque, purché in possesso dei requisiti richiesti dal corso. Sui corsi autorizzati la Regione Lazio esercita un controllo ai sensi della L.R. 23/92.

L’elenco delle scuole private autorizzate è consultabile presso gli uffici dell’Assessorato Scuola, Formazione e Politiche per il Lavoro o scaricabile dal sito della Regione Lazio.

 

Possono accedere ai corsi, oltre a disoccupati e inoccupati, i lavoratori (per corsi di aggiornamento, specializzazione e riqualificazione) e i soggetti svantaggiati, quali portatori di handicap, immigrati, nomadi, tossicodipendenti e detenuti o ex detenuti.
L'età ed il titolo di studio richiesti variano per i differenti tipi di corso.

Di norma, le iscrizioni ai corsi ricorrenti avvengono tra il 1° e il 31 luglio presso i Centri di Formazione.
Le iscrizioni ai corsi specifici non hanno una scadenza prestabilita: per sapere quando iscriversi, ci si può rivolgere ai Centri di Orientamento della Regione Lazio per prendere visione dei Bandi, delle relative scadenze e dei requisiti di ammissione.

I Centri di orientamento professionale sono un servizio gestito direttamente dalla Regione Lazio: attraverso i suoi sportelli, viene fornita una guida alla scelta dei percorsi formativi e professionali.

I Centri di Orientamento Professionale forniscono, inoltre, informazioni su tutte le attività formative della Regione.

I Centri di Orientamento Professionale situati nella Provincia di Roma sono:

MARINO - Incrocio Via dei Laghi
OSTIA - Via delle Quinqueremi
ROMA Centro - Via R. R. Garibaldi, 7
ROMA Centro - Via Giolitti, 212/c
ROMA Centro - Via della Mercede, 52
ROMA Nord - Via Cassia, 472
ROMA Est - Via Monti Lessini, 6

 

Documenti da presentare:
- Domanda di iscrizione sottoscritta, nel caso di minore, da un genitore o da chi ne fa le veci;
- mod. C/15 rilasciato dall'ufficio di Collocamento (da presentare solamente per i corsi che richiedono l'iscrizione al collocamento), oppure un'autocertificazione che attesti lo stato di disoccupazione;
- fotocopia del titolo di studio;
- fotocopia del documento di riconoscimento;
- certificati anagrafici (nascita, residenza, cittadinanza italiana, stato di famiglia) solo se richiesti dal bando.

 

ATTENZIONE!

Nella scelta di frequentare un corso professionale, è bene tenere presente alcune considerazioni, prima fra tutte quella che non esiste nessun automatismo fra la partecipazione ad un corso e l'accesso al mondo del lavoro; è necessario, dunque, orientarsi verso quei corsi che forniscono competenze effettivamente spendibili sul mercato del lavoro, poiché l'offerta formativa è ormai talmente vasta da comprendere anche una serie di proposte che presentano ben poca utilità pratica, perché si riferiscono a mansioni e figure professionali non richieste.

Gli enti privati che cercano di ottenere finanziamenti per la gestione di corsi professionali, molto spesso propongono corsi che non hanno alcuna attinenza con il mercato del lavoro, al solo scopo di ottenere i finanziamenti di cui sopra; il risultato è che, se non si fa attenzione alla scelta del corso cui partecipare, si rischia di perdere tempo.

E' necessario, dunque, prendere alcune precauzioni: innanzitutto, informarsi esattamente sulla qualifica che si ottiene al termine del corso, chiedendo esplicitamente quali siano le prospettive di inserimento lavorativo, sia nelle pubbliche amministrazioni che nel privato. E' vero che ogni esperienza formativa riveste una sua utilità, ma è vero anche che - particolarmente negli ultimi anni - si sono moltiplicati a dismisura corsi quantomeno bizzarri, al termine dei quali ci si ritrova con un attestato che, all'atto pratico, non serve a nulla; questa tendenza è particolarmente forte nel settore dei corsi per le "professioni del sociale", dove purtroppo abbondano corsi che non trovano alcun riscontro nelle richieste sia della pubblica amministrazione che degli organismi privati convenzionati per la gestione di servizi sociali e sociosanitari.

Fate attenzione, allora, e siate esigenti nel richiedere ogni informazione prima di iscrivervi ad un qualsiasi corso.